15/01/15

The return of the "vortex": interview with RON ROYCE (CORONER) - english/italian


I've been waiting for a Coroner's album since 1993, which is the year of their last studio album called Grin. From my conversation with Ron Royce, the fantastic bassist and singer of the great swiss band, I assume that there is real hope of finding again a group that I madly have adored during trash period but who felt unconfortable within the boundaries of styles, as they're way head of them. They were too advanced. Their technical quality was so remarkable that any pre-packaged suit could dress them properly. Metal and technical trash were the core concept, but from that central node came out a little bit of everything, with a futurist and avant-gardist approach that was able to join powerful and complex riff with glacial settings, as well as the biggest band's cover (Hendrix and Beatles) and slow anthems, which seemed to wonderfully cover you as dark capes.

Coroner, with five albums and two compilations, have been etched in the mind and heart of anybody loves heavy sounds and who, in those same sounds, is also searching for evolution, advance, risk, musical and structural expansion, because the progression always deals with courage. And Ron Royce, who very kindly answered to my questions, certainly doesn't lacks the courage or the will to prove himself again. The powerful swiss combo, in fact, reunited in 2010 and despite the abandon of their drummer Marky, the current prospects for new material are solid and very exciting. It makes you wonder how Coroner's music is gonna play today, as they should be considered, by listening to their older records, a band that didn't suffer any form of sound ageing, unlike more commercial and certified scenes.

As a kind of personal poll, over the years, I could experience the love firstly felt for this great group by metallers considered as globally, which is obvious, but it regularly ended up in preferences of progressive fans, as well as in avant-gardist ones and even in favourites of both Rock In Opposition and Kraut-rock's followers, between which I can include myself.

Ron is right when he says it is not possible to prefer one album over the others; Coroner should be read and discovered for their comprehensive body of works, as well as for their anavoidable path towards, as already mentioned above, the evolution of both sound and expressive force, which culminated in a (momentaneous) farewell and out-of-the-box album, reflecting a technical expertise that it would be very hard to follow.

To these brief but necessary comments about the band I must add a detail that cannot be ignored, which is to say that Ron Royce should be definitely considered one of the most amazing and original bassist of the rock as a whole, and surely he should be regarded as the Prince in the metal scene.

Many people defined Coroner as "The Rush of trash", which shall be interpreted for the best, by reminding us the complexity showed by both of them, by the way it remains a limited definition which isn't able effectively to describe the potential of Ron and company.

Well, now I will let you enjoy the interview with Ron Royce and, as I hoped, I'm looking forward to getting in touch with one of the most influenced musical experience for me, that's also - and perhaps mainly- true for writing.


LDP: I’ve always considered Coroner as a powerful band, you are carachterized by a so advanced technical level, that you even risked not being fully understood, in the past. Anyway, your status of cult band is obvious, it’s not by chance that the best technical trash metal group of the moment go back to your model, and you are also constantly mentioned by the best prog metal combo. The band has been reunited in 2010, what’s happening at the moment? Is there a good chance to record a new album?

RR: Tommy and me decided to continue with the band and we also intend to make a new album. This is why Marky left the band and Diego is now with us. We’ re each gathering concrete ideas for songs. But we have not started yet with the songwriting. I think the new coroner album will be released not before 2016.

LDP: At the same time, you are also considered – and rightly so- one of the greatest metal bassist of all the time. How did you start? Who are the artists by whom you got inspired?

RR: I was born in a musically gifted family. When I was small I used to do singing performances along with my cousin Doris, who herself is a well known country singer in Switzerland. My biggest influence as a kid, however, was my uncle who used to be the guitarist of a swiss progressive rock band in the seventies. Because I was playing soccer as a goal keeper, I did not bother playing music for many years. I started playing bass at 17 only, because I figured I was already too old to learn the guitar and a regular bass only has 4 strings, which makes it easier to start with. My influences then were Geezer Butler/Black Sabbath, Steve Harris/Iron Maiden and Geddy Lee from Rush.

LDP: I think that Grin surely is the bravest and the most complex album you have recorded; it’s also my favorite one, with which I have a close connection, because of your approach, of your distinctive vocal stylings and naturally because of your bass playing. Do you believe that Grin is the album that can reflect mostly your artistic maturity, a decisive step towards the overcoming of your artistic horizons?

RR: I think that we improved with every album we released. I agree, Grin is a super album, but I can not claim it to be my personal favorite one. In fact I don’t prefer any of the albums over the other. Most of the songs on Grin by the way, are crafted by Tommy; he had far more influence on the songwriting for this album than me.

LDP: What do you think about metal scene today? Is there around anything original, in your opinion, or do you think that new bands are just used to revise what it has been already sowed? Is there any band or artist you are interested in, in this moment?

RR: According to my very long experience in the metal scene, I have come to know the fans of the metal scene as a very loyal crowd., i.e. "Once a metaller, always a metaller". It is very remarkable to witness these days, when we perform, that there is the very young people around, as well as the older generation, who already knows us from the 80-ies and 90-ies. There are actually two generations around, oftentimes the parents who inspire their own kids to attend our gigs.
In regards to the originality of the music in the metal scene these days, I can not say much about it, as I don’ t listen to these newer bands, because I do not want to get too influenced by them in my own creative process. Originality is probably the most important factor to me, when it comes to songwriting, but it has become really difficult these days, because there is so much competition around. Tommy would be a better reference to answer these questions, as he produces a lot of younger bands in his studio. I know of some very good newer bands, for example “Mastodon" or “the Ocean“, my girlfriend listens to them, but of course, they belong more to the progressive scene.

LDP: Coroner has been able to sound technically and to show an intellectual approach to the music, without following any particular pattern; so I think that anybody who listens to one of your albums, can only say “ok, these are Coroner”. Has your originality ever created any barriers to your path, especially inside a scene that maybe could have asked you the cementing of a more rigid style?

RR: Yes, for example, at first, we have been fighting with the record company when we released the first album, because we really wanted to make a video. Only with the second album, they agreed to produce the videoclip along with "Masked Jackal". However, when we released our third album, and we presented the videoclip of “Last entertainment (TV Bizarre)" to CBS while being on tour in the US, the company rejected the video, because they claimed it to be "too avant-gardist and not enough metal“. (CBS was the US-distributor for Coroner at the time of the 3rd album release.) Personally, I reject any kind of stereotyping, especially because there should be no boundaries in music and the different styles are too comprehensive, especially these days.

LDP: I’d like to ask you what kind of project are you planning for the future. How have you employed yourself during the years of the band’s giving up? What kind of interests or passions have you got, outside of music?

RR: As already mentioned above, we plan on releasing a new album in 2016, so you can get your hand on a new record very soon. But before that, we will publish a documentary on our band’s history, possibly and hopefully along with a dvd with unreleased concert material from the beginning to 2012. After we broke up in 1996, I pursued my own ideas, recorded a lot of music at home and was asked to participate in some musical projects, which I did. And I returned to soccer playing, which I stopped again after Coroner reunited.

LDP: Let’s talk about the music publishing. I don’t think it’s wrong to say that the merger of the major record companies is responsible for the general levelling down of the markets. Cds are in decline, people are used to download music, only vinyl seems to have awakened the demand of enthusiasts and neophytes. What do you think about the record production markets today?

RR: Well, this trend has been developing over the past decades and is the reason why many of the older bands are forced to perform live and go on tour again. Same for us here, we all have our jobs, because we could never make a living out of music anymore. Eventually, people should actually be forced to pay some small amount of money each time they download a song; the collecting companies have been looking for solutions to this problem for a very long time, as you know.

LDP: Would you like to talk about your gear? What kind of basses are you used to play at the moment?

RR: I have an endorsement deal with EBS from Sweden. I use an EBS "Fafner" II Base Head 750w and an EBS Evolution "Arena" Cabinet 4 x 12’ 1 2’ 800w. If we have to fly to a show I use the gear provided there, usually Ampeg SVT 2 or 4 with a 8 x 10’ cabinet. Regarding instruments, currently and for many years, I have been playing a custom made bass (hand crafted by M. Bruderer), but most probably I will soon be switching to Warwick bass, because I have a good offer from them and I consider their basses excellent quality and suitable for me.

LDP: The most technical bands of the moment seem to play fretless bass on a regular basis. How do you explain this choice? Do you think that fretless’s range of sound ensures a greater creative freedom?What’s your relationship with fretless?

RR: Naturally fretless sounds better and cleaner, just simply due to the fact, that there are no disturbing audible fret sounds. However, it is exceedingly difficult to play and therefore not practical for me, because I simultaneously have to concentrate on my voice while playing bass at the same time. I did implement fretless bass on the recording of some of our songs on the albums. I used to borrow a fretless bass for this purpose, for example on "Gliding above". (In the early stages of Coroner, I additionally experimented with an 8-string fretted bass on a few songs.)

LDP: The song called “Grin” from the same name album is , in my view, one of your masterpieces. It has a great groove going and shows that you were able to remain at the highest levels of a compact sound, including by reducing your complexity. Coroner has been progressive without indulging in “symphony”, they have been powerful without resorting to speed. How do you explain this alchemy?

RR: The riff on Grin is written by Tommy and it had taken me many years to be able to play it properly, which proves the different predispositions and inclinations of the individual musician.The compact sound and the alchemy of our playing, I think is mostly a result of many years of practicing and rehearsing together for hours every single day with adamant discipline and extreme dedication, which are two indispensable qualities to achieve most goals in life.




Coroner's Discography:

R.I.P. 1987
Punsihment For Decadence 1988
No More Color 1989
Mental Vortex 1991
Grin 1993

Collections:

Coroner 1995
The Unknown Unreleased Tracks 1985-95





IL RITORNO DEL "VORTICE": INTERVISTA CON RON ROYCE (CORONER)

Aspetto un disco dei Coroner dal lontano 1993, data del loro ultimo album in studio, “Grin”. Dalla chiacchierata con Ron Royce, fantastico bassista e cantante della grande band svizzera, deduco che ho concrete speranze di ritrovare un gruppo che ho amato follemente negli anni del trash, ma che all’interno degli steccati del genere non ci stavano comodi, erano troppo avanti. Troppo avanti. La qualità tecnica della band era tale che nessun abito preconfezionato avrebbe potuto vestirli in toto; il metal, il technical trash, erano il nucleo, ma da quel nucleo si sprigionava un po’ di tutto, con un approccio futurista, avanguardista, che univa riff potenti e complessi a glacialità ambientali, cover di sovrani del rock (Hendrix e Beatles) e anthem lenti, avvolgenti come mantelli scuri.
I Coroner, in cinque album e due raccolte, sono rimasti nella memoria e nel cuore di chiunque ami i suoni pesanti ed in quei suoni cerchi anche l’evoluzione, l’anticipazione, il rischio, l’espansione sonora e strutturale, perché l’evoluzione ha sempre a che fare con il coraggio.
E a Ron Royce, che molto gentilmente ha risposto alle mie domande, di certo il coraggio e la voglia di rimettersi in gioco non mancano affatto. Infatti il potente combo svizzero si è riformato nel 2010, e nonostante l’abbandono del batterista Marky nel 2014 le prospettive di nuovo materiale sono concrete e molto stimolanti. Viene da chiedersi che effetto farà ascoltare oggi i Coroner, che sono da considerarsi, ripensando alle vecchie incisioni, un gruppo che non ha accusato forme di invecchiamento sonoro alcuno, diversamente da realtà più commerciali e conclamate.
Come forma di sondaggio personale, negli anni, ho potuto verificare che la band è stata amata dai metallari tout court, come è naturale, ma finiva regolarmente nelle preferenze di appassionati di rock progressivo, avanguardie varie e persino di aficionados del Rock In Opposition e del Kraut rock, quale posso considerarmi io, alla fine.
Ha ragione Ron quando dice che non si può preferire un album rispetto agli altri; i Coroner vanno letti e conosciuti nel loro corpus globale, un percorso inellutabile, come già detto, verso l’evoluzione del sound e della forza espressiva, culminato con un album di (momentaneo) addio fuori dai canoni e testimone di una perizia tecnica difficilmente raggiungibile.
A queste brevi ma doverose considerazioni sulla band va aggiunto un dettaglio non trascurabile, e cioè che Ron Royce è da ritenersi senza alcun dubbio uno dei più sorprendenti e originali bassisti del rock tutto, e di sicuro un assoluto Principe dell’ambito metal. Molti hanno definito i Coroner “i Rush del trash”, la cosa va interpretata nel migliore dei modi pensando alla complessità di ambedue le band, ma è comunque una definizione limitativa che non descrive del tutto efficacemente il potenziale di Ron e compagnia.
Vi lascio dunque all’intervista con Ron Royce e, come speravo, aspetto con ansia di poter riabbracciare una della realtà musicali che mi ha influenzato di più, anche e soprattutto nella scrittura.


    LDP: Considero i Coroner una band potentissima, di un livello tecnico così evoluto da aver rischiato, in passato, di non essere compresa sino in fondo. Eppure, il vostro status di cult band è lampante e a voi si rifanno le migliori band di technical trash del momento, e siete continuamente citati dai migliori combo prog metal. Vi siete riformati nel 2010, qual è la situazione attuale? C’è la concreta possibilità di una nuova incisione?

RR: Tommy ed io abbiamo deciso di proseguire con la band ed intendiamo anche incidere un nuovo album. Questo è il motivo dell'uscita di Marky dal gruppo e dell'attuale presenza di Diego (alla batteria, ndr). Ci stiamo scambiando idee concrete per le canzoni. Ma non abbiamo ancora iniziato a scrivere. Credo che il nuovo album dei Coroner uscirà non prima del 2016.

LDP: Sei considerato –giustamente- anche uno dei migliori bassisti metal di tutti i tempi. Come hai iniziato? Quali sono stati i tuoi modelli?

RR: Sono nato in una famiglia con la vocazione per la musica. Quando ero piccolo ero solito esibirmi cantando assieme a mia cugina Doris, che è anche lei una interprete country molto nota in Svizzera. Comunque, il mio più grande modello da ragazzo è stato mio zio che faceva il chitarrista in una prog band svizzera negli anni settanta. Dal momento che giocavo a calcio nel ruolo di portiere, non ho più pensato di suonare per diversi anni. Ho iniziato a cimentarmi con il basso solo a diciassette anni, ritenendo di essere troppo avanti con l'età per imparare la chitarra e siccome un basso normale ha solo quattro corde, sembrava la cosa più semplice per cominciare. In seguito le mie influenze sono stati Geezer Butler/Black Sabbath, Steve Harris/Iron Maiden e Geddy Lee dei Rush.

LDP: “Grin” è stato certamente l’album più ardito e complesso che avete inciso; è anche il disco che preferisco e al quale sono più legato, per l’approccio, per la vocalità e naturalmente per il tuo basso. Consideri “Grin” un album di maturazione, il passo definitivo verso un superamento dei limiti?

RR: Credo che ci siamo perfezionati ad ogni nuovo album che abbiamo inciso. Sono d'accordo, Grin è un album super, ma non posso sostenere che sia il mio preferito. Infatti reputo che nessuno sia superiore all'altro. Ad ogni modo la maggior parte delle canzoni contenute in Grin sono una creazione di Tommy; lui rispetto a me ha esercitato un'influenza di gran lunga superiore sulla scrittura dei testi per questo disco.

LDP: Che opinione hai della scena metal oggi? Pensi che ci sia in giro roba originale o le nuove band si limitano a rielaborare quanto è stato già seminato? C’è qualche band o artista che segui con attenzione?

RR: In base alla mia lunga esperienza sulla scena metal, sono arrivato a considerare i fan di questo genere come un pubblico molto fedele, della serie "Una volta che si è metallari lo si è per sempre". Durante le nostre esibizioni è davvero eccezionale constatare la presenza di un pubblico, molto giovane qui, che - alla stregua delle generazioni precedenti - già ci conosce dagli anni Ottanta e Novanta. Ci sono al momento due generazioni di nostri seguaci in giro, spesso sono i genitori che spingono i loro figli ad assistere ai nostri concerti.
Riguardo all'originalità della musica nell'attuale scenario metal, non posso dire molto, in quanto non ascolto le nuove band, non voglio esserne troppo condizionato nel mio processo creativo. L'originalità è probabilmente il fattore più importante per me quando si tratta di scrivere i testi, ma è diventato molto complicato di questi tempi, perché c'è così tanta competizione in giro. Tommy sarebbe più idoneo a rispondere a queste domande, dal momento che produce un mucchio di giovani band nel suo studio. Conosco alcuni gruppi del panorama attuale davvero buoni, per esempio i Mastodon o gli Ocean, la mia compagna li ascolta, ma di certo appartengono più alla scena prog.

LDP: I Coroner sono riusciti ad essere tecnici ed “intellettuali”, non hanno seguito schemi precostituiti; credo che ascoltando un vostro disco si possa solo dire “ecco, questi sono i Coroner”. La vostra originalità vi ha creato anche ostacoli, all’interno di una scena che forse vi chiedeva la consacrazione di uno stile più rigido?

RR: Sì, ad esempio, all'inizio abbiamo dovuto combattere con la casa discografica all'uscita del primo album, perché volevamo davvero realizzare un video. Solo con il secondo album si convinsero a produrre il videoclip insieme al pezzo "Masked Jackal". Ad ogni modo, al nostro terzo album e alla presentazione del video di "Last entertainment" (TV Bizarre) sulla CBS mentre eravamo in tour negli States, l'etichetta rifiutò il video in quanto obiettavano che fosse "più collocabile nell'avant-garde e non abbastanza nel metal". (La CBS era il distributore statunitense per i Coroner ai tempi dell'uscita del terzo album). Personalmente io rifiuto qualsiasi tipo di stereotipo, specie perché non dovrebbero esistere vincoli nella musica, ed i diversi generi sono troppo onnicomprensivi, in particolare oggi.

LDP: Voglio chiederti quali sono i tuoi progetti per il futuro. Di cosa ti sei occupato negli anni di stop della band? Quali sono le tue passioni, i tuoi interessi al di fuori della musica?

RR: Come accennavo prima abbiamo intenzione di far uscire un nuovo album nel 2016, così potrete mettere le mani su un nuovo disco molto presto. Ma prima di ciò registreremo un documentario sulla storia della nostra band, possibilmente - se tutto va bene - insieme ad un dvd con del materiale dal vivo inedito che va dagli inizi fino al 2012. Dopo esserci sciolti nel 1996, ho assecondato le mie idee, inciso un mucchio di musica a casa e mi sono proposto per entrare a far parte di alcuni progetti musicali, cosa che ho fatto. Poi sono tornato a giocare a calcio, per poi smettere di nuovo dopo la riunione dei Coroner.

LDP: Parliamo della scena discografica. Non credo sia sbagliato dire che si vuole rischiare sempre meno e che la fusione delle majors abbia creato un appiattimento verso il basso. Il cd è in declino, le persone scaricano musica liquida, solo il vinile sembra aver risvegliato la domanda degli appassionati e dei neofiti. Cosa pensi della situazione del mercato discografico oggi?

RR: Dunque, questa tendenza si è sviluppata a partire dai decenni passati ed è il motivo per cui molte delle band più storiche sono indotte ad esibirsi dal vivo e ad andare in tour di nuovo. Vale lo stesso per noi adesso, ciascuno mantiene il proprio lavoro, dal momento che non potremmo mai più guadagnarci da vivere solo attraverso la musica. Ad un certo punto le persone dovrebbero finalmente essere costrette a pagare una piccola cifra ogni volta che effettuano il download di una canzone; gli stakeholders incaricati sono andati alla ricerca di soluzioni a questo problema per diverso tempo, come sapete.

LDP: Mi parleresti della tua strumentazione? Che bassi stai usando?

RR: Ho un contratto di sponsorizzazione con la EBS Svedese. Uso un EBS Fafner II Base Head 750w ed un amplificatore EBS Evolution "Arena", 4 x 12’ 1 2’ 800w. Se dobbiamo volare per uno show, uso la strumentazione fornita sul posto, di solito Ampeg SVT 2 o 4 con un amplificatore 8 x 10’. Riguardo gli strumenti, al momento e per svariati anni ho suonato un basso custom (realizzato a mano da M. Bruderer) ma è più probabile che passerò presto ad un Warwick, perché ho avuto una buona offerta da loro e reputo i loro bassi di eccelente qualità ed adatti a me.

LDP: Le band più tecniche della scena odierna usano quasi regolarmente il basso fretless. Come spieghi questa scelta? Pensi che la gamma sonora del fretless nel metal garantisca una maggiore libertà espressiva? Che rapporto hai con il fretless?

RR: Naturalmente il fretless ha un sound migliore e più pulito, ciò è semplicemente dovuto al fatto che non ci sono suoni fret che disturbino l'acustica. Comunque è estremamente difficile da suonare e dunque non è pratico per me perchè devo concentrarmi simultaneamente sulla mia voce mentre suono il basso. Ho impiegato il fretless per l'incisione di alcune delle nostre canzoni. Ero solito prendere in prestito un basso fretless per l'occasione, ad esempio in "Gliding above". Nei primi tempi dei Coroner ho anche fatto esperimenti con un basso fretless a 8 corde su pochi pezzi.

LDP: Il pezzo “Grin”, dall’album omonimo, è a mio avviso uno dei tanti vostri capolavori. Aveva un groove pazzesco e dimostrava che anche riducendo la vostra complessità potevate restare su livelli altissimi di compattezza sonora. I Coroner sono stati progressivi senza indulgere nel sinfonico, devastanti senza ricorrere allo speed, come spieghi una tale alchimia?

RR: Il riff in Grin è stato scritto da Tommy e mi ci sono voluti diversi anni per essere in grado di suonarlo in modo appropriato, il che prova le differenti predisposizioni ed inclinazioni di ciascun musicista preso individualmente. Il suono compatto e l'alchimia del nostro modo di suonare credo che siano il risultato di molti anni di pratica e di sessioni di prove insieme, per ore ogni singolo giorno, con una disciplina inflessibile e una dedizione estrema, che sono due qualità indispensabili per conseguire più obiettivi nella vita.



CORONER DISCOGRAFIA:

R.I.P. 1987
Punsihment For Decadence 1988
No More Color 1989
Mental Vortex 1991
Grin 1993

Raccolte:

Coroner 1995
The Unknown Unreleased Tracks 1985-95

©LUCA DE PASQUALE 2015

in collaborazione con MANUELA AVINO

Nessun commento:

Posta un commento