12/11/14

Interview with Uwe Wessel / Intervista con Uwe Wessel


Electric bass in the heavy metal has got several high-level performers. One of them is Uwe Wessel, a talented german musician, whom I had the opportunity to appreciate during his commitment in the Gamma Ray with the albums “Heading for tomorrow” and “Sigh no more” (as well as other titles, including a live): which all reveal a solid, versatile, melodic and very strong sound.  Once I contacted Uwe, I had the chance to discover and listen to other no less precious records with Axe La Chapelle, Gothic Fate, Bullfrog, Pow Wow. Uwe was able to assemble a wonderful cd which contains the best of his collaborations, that is to say “Old borrowed and new”, a work that is worthy of more than one listening and that confirms Uwe as a skilled and complete bassist. Uwe also founded an interesting web radio called “Radio Paranoid” (http://www.radio-paranoid.net/) which widely broadcasts good rock and metal music, so that I should like to warmly recommend.

To the tune of Gamma Ray’s great piece called “(We won’t) stop the war” which Uwe enriched with a powerful groove, I’ll let you read this interview that Uwe very kindly granted to me.

UWE WESSEL'S RECOMMENDED DISCOGRAPHY

Gamma Ray – Heading For Tomorrow 1990
Gamma Ray – Heading For The East 1990 live
Gamma Ray – Sigh No More 1991
Gothic Fate – Illuminati 2005
Rad Kick – Peace Of Mind
Uwe Wessel – Old, Borrowed And New cd-r
Axe La Chapelle – Grab What You Can 1994
Bullfrog – Second Wind
Catch The Rainbow – A Tribute To Rainbow

LDP: Would you like to talk about your career? Let’s start
at the beginning. How did  you choice to play ellectric bass?

U.W.: I got started learning to play classical guitar at the age of 12. First of all, my mother taught me a couple of chords (God bless you Mum), then I took guitar lessons at school. I also started my musical career as a guitarist and singer in different rock bands. After my apprenticeship, when I decided to become a professional musician, I first joined a progressive rock trio where I had to handle both- guitar and bass. Not long after that I got into my first „real“ professional band „Bullfrog“, who already had a couple of albums out, where I played the bass only. It was with Bullfrog where I leaned to really play the bass properly. This was a very good training for me in all matters, on stage as well as behind.

LDP: What do you remember of your militancy in Gamma Ray?
You continued to follow the band, do you stay in good terms with all of them?

U.W.: Of course I still kept track of the band's musical career after leaving Gamma Ray. Thus I own all official longplayers of the band, and I regularly play their songs on my web radio „Radio Paranoid“ (www.radio-paranoid.net). Here I just have to note that I liked Gamma Ray better with the voice of Ralf Scheepers. But certainly this is simply a question of individual liking.
I have occasional contact with Ralf Scheepers, Uli Kusch and the new Drummer Michael Ehré, all three of which are also in my Facebook friends list.

LDP: Who are the bassists mostly influencing your sound?

U.W.: Over the years, I have crafted a typcal sound of my own quite by myself. But of course there have been bassists who had an influence on me. I'll mention Jim Lea (Slade), John Entwistle (The Who), also Steve Harris (Iron Maiden) and above all Billy Sheehan (Mr. Big and a couple of other bands).

LDP: Let’s talk about the metal bass scene today, how does
it look to you? Classic heavy metal bassists normally take Steve Harris as their main model, what do you think about those electric bassists with their super-powerful technique used in the most extreme contexts?
Do you like them? Do you find them interesting?

U.W.: Certainly there are some very good metal bassists around, but at the moment I can't really think of anyone I would set apart.

LDP: German metal scene is the prime vivid one, in the 1980s and 1990s had an extraordinary boom. How do you consider that, nowadays? Are there any band and/or artist we could expect on?

U.W.: Here I can also just say that there are a couple of very, very good German metal bands around for example, for myself as well as for their many fans, Edguy seem to be quite “the flavour of the month”. Furthermore, I love the band project “Avantasia” initiated by Tobias Sammet.

LDP: What are your plans for the future, what are you working on?

U.W.: Several years ago I had to give up my musical career for health reasons. The final project I took part in was called “Gothic Fate” which I left in 2004. To keep aligned with music, I founded web radio “Radio Paranoid” I already mentioned above, where solely rock, metal and sometimes a little gothic rock / gothic metal get played.

LDP: What kind of feeling did (do) you have with fretless bass? Do you like it? Are you confortable with? What can you generally tell us about your gear?

U.W.: For a certain part of the Gamma Ray song “The Silence” I have used a fretless bass. Apart from that I prefer a bass with frets. However, I have succeeded in setting my Vigier bass (with frets) in a way that it strongly resembles the sound of a fretless bass.

LDP: Personally I had the chance to listen to you playing in
other bands, and I’ve noticed that you usually leave your very specific musical
imprint. What’s your opinion about the role of a bassist in a metal band? Not
just anyone got both personality and flexibility: how did you do that?

U.W.: That's a good question. It requires a damn good timing, technique and the ability to groove, the latter of which many metal bassists don't really seem to manage, unfortunately. As I can additionally play the drums a bit, as well as the guitar, I didn't have much of a problem to ally with the other instruments and to give a song a special groove.
Besides, I play with a lot of power, unless the song doesn't require as much.

LDP: Let’s do our easy but funny "top ten" game: do you want
to tell us your those essential ten records, the famous “desert island records”...?

U.W.: This is a difficult question, as this does change a lot with time.
But nevertheless I'll give it a try:
Slade - Alive
Deep Purple – Machine Head
Metallica- Black Album
Pink Floyd – Pulse (Live)
Iron Maiden – Number of the beast
Avantasia – The Scarecrow
Gamma Ray – Sigh no more
Slade – Slayed!
Van Halen - First
Rainbow – Rising
Rammstein – Mutter
Ask me again next week, and the Top Ten would look different! *lol*

LDP: Why don’t you leave a message to your italian fans?
Unfortunately, I've never been on tour through Italy which I think is a real bummer. But I'll wish all the best for all trusty fans in Italy. Stay true to good music! Rock on,
yours,
Uwe


Il basso elettrico nell'heavy metal ha avuto diversi interpreti di grande livello. Uno di questi è Uwe Wessel, musicista tedesco di talento, che ho avuto modo di apprezzare durante la sua militanza nei Gamma Ray per gli album “Heading for the tomorrow” e “Sigh no more” (e altri singoli): solido, versatile, melodico, molto potente. Ho avuto, contattando in seguito Uwe, la possibilità di scoprire ed ascoltare altre sue incisioni non meno preziose, con Axe La Chapelle, Gothic Fate, Bullfrog, Pow Wow. Uwe ha assemblato un cd magnifico che racchiude il meglio delle sue collaborazioni, “Old, borrowed and new”, lavoro che merita più di un ascolto e che conferma Uwe come musicista preparato e completo. Uwe ha anche fondato una ottima web radio, “Radio Paranoid” che trasmette rock e metal di qualità a profusione e che mi sento di raccomandare caldamente. Sulle note di un pezzo dei Gamma Ray che Uwe ha impreziosito con un potente groove, “(We won't) Stop The War” vi lascio all'intervista che gentilmente mi ha concesso.

DISCOGRAFIA CONSIGLIATA UWE WESSEL:

Gamma Ray – Heading For Tomorrow 1990
Gamma Ray – Heading For The East 1990 live
Gamma Ray – Sigh No More 1991
Gothic Fate – Illuminati 2005
Rad Kick – Peace Of Mind
Uwe Wessel – Old, Borrowed And New cd-r
Axe La Chapelle – Grab What You Can 1994
Bullfrog – Second Wind
Catch The Rainbow – A Tribute To Rainbow

LDP: Ci vuoi parlare un po’ della tua carriera, partendo dagli inizi? Come hai scelto di suonare il basso elettrico?

U.W.: Ho iniziato a suonare la chitarra classica dall'età di 12 anni. Prima di tutto mia madre mi ha insegnato un paio di accordi (Dio ti benedica mamma), dopodiché ho preso lezioni a scuola. Ho inoltre iniziato il mio percorso come chitarrista e cantante in diversi gruppi rock. Completate le mie esperienze formative, quando decisi di diventare un musicista professionista, entrai prima a far parte di un trio di prog rock in cui mi sono dovuto cimentare sia con la chitarra che con il basso. Non molto tempo dopo entrai nella mia prima “vera” band professionista; i “Bullfrog”, che aveva già un paio di album all'attivo e dove suonavo solo il basso. Fu con i Bullfrog che ho imparato a suonare il basso realmente bene. In tutti I casi è stata una prova davvero importante per me, sul palco oltre che dietro le quinte.

LDP: Che ricordi hai della tua militanza nei Gamma Ray? Hai continuato a seguirli, sei rimasto in buoni rapporti con loro?

U.W.: Di sicuro non ho mai smesso di seguire il percorso musicale dei Gamma Ray dopo aver lasciato la band. Inoltre posseggo tutti gli LP del gruppo, e trasmetto regolarmente le loro canzoni sulla mia web radio “Radio Paranoid”(www.radio-paranoid.net). A tal proposito mi sento in dovere di sottolineare che i Gamma Ray mi piacevano di più con la voce di Ralf Scheepers. Ma senza dubbio si tratta semplicemente di una questione di gusti personali. Ho contatti sporadici con Ralf Scheepers, Uli Kusch ed il nuovo batterista Michael Ehré, tutti e tre sono miei amici su Facebook.

LDP: Quali sono stati i bassisti che più ti hanno influenzato nel modo di suonare?

U.W.: Negli anni ho costruito un sound tutto mio. Ma di sicuro ci sono stati bassisti che hanno esercitato una certa influenza su di me. Menzionerò Jim Lea degli Slade, John Entwistle degli Who, ancora Steve Harris degli Iron Maden e sopra tutti Billy Sheehan dei Mr. Big ed un paio di altre band.

LDP: Parliamo della scena del basso metal oggi. Come la vedi? Se i bassisti dell’heavy metal classico hanno ancora come modello principale Steve Harris, cosa pensi dei nuovi bassisti supertecnici nei contesti più estremi? Ti piacciono, li trovi interessanti?

U.W.: Certamente in giro ci sono dei bassisti metal davvero bravi ma al momento non riesco davvero a pensare a nessuno da mettere in rilievo.

LDP: La scena metal tedesca è per eccellenza vivida e negli anni ottanta/novanta ebbe un boom fantastico. Oggi come la consideri? C’è qualche gruppo e/o musicista sui quali si può sperare?

U.W.: A tal proposito vorrei aggiungere che ci sono un paio di gruppi metal tedeschi molto, molto bravi come per esempio, per me come per molti fan, gli Edguy sembrano essere “la moda del momento”. Poi amo il progetto della band “Avantasia” inaugurato da Tobias Sammet.

LDP: Quali sono i tuoi progetti futuri, cosa stai facendo?

U.W.: Diversi anni fa ho dovuto interrompere la mia carriera per ragioni di salute. L'ultima band di cui ho fatto parte sono stati i Gothic Fate che ho lasciato nel 2004. Per mantenermi impegnato nella musica ho fondato una web radio “Radio Paranoid” che ho già citato prima, dove vengono trasmessi solo pezzi rock e metal, alcune volte anche un po' gothic.

LDP: Che rapporto hai avuto (hai) con il basso fretless? Ti piace, ti appartiene? Cosa puoi dirci della tua strumentazione in generale?

U.W.: In una parte della canzone dei Gamma Ray “The Silence” ho usato il basso fretless. A parte questo io preferisco il basso con I tasti. Ad ogni modo sono riuscito a sistemare il mio basso Vigier (con I tasti) in modo tale da farlo suonare decisamente come un basso fretless.

LDP: Ho avuto personalmente la fortuna di ascoltarti con altre band, lasci sempre una tua impronta sonora ben precisa. Come consideri il ruolo di un bassista in un gruppo metal? Personalità e duttilità non sono di tutti: tu come hai fatto?

U.W.: E' una bella domanda. Richiede dei tempi dannatamente esatti, una tecnica ed un'abilità nel groove, che molti bassisti metal non sembrano in grado di sfruttare in modo corretto, sfortunatamente. Dal momento che suono anche un po' la batteria oltre che la chitarra, non ho trovato troppo difficile legare con gli altri strumenti, conferendo al pezzo un ritmo particolare. Inoltre suono con molta potenza le tracks, eccetto il caso in cui la canzone non lo richieda.

LDP: Facciamo il banale ma divertente gioco dei dieci dischi da isola deserta. Ci dici i tuoi?

U.W.: Questa è una domanda difficile, dal momento che il gusto cambia molto con il tempo. Tuttavia ci posso provare:
    Slade - Alive
    Deep Purple – Machine Head
    Metallica- Black Album
    Pink Floyd – Pulse (Live)
    Iron Maiden – Number of the beast
    Avantasia – The Scarecrow
    Gamma Ray – Sigh no more
    Slade – Slayed!
    Van Halen - First
    Rainbow – Rising
    Rammstein – Mutter
Chiedimelo di nuovo la prossima settimana e la Top Ten sarebbe differente! *lol*

LDP: Lascia un saluto ai tuoi numerosissimi fan italiani e… a presto!

U.W.: Sfortunatamente non sono mai stato in tour in Italia il che credo sia un vero peccato. Ma io auguro solo il meglio per tutti I fan seguaci in Italia. Rimanete fedeli alla buona musica! Spaccate di brutto, vostro, Uwe

intervista di Luca De Pasquale©
traduzione di Manuela Avino






Nessun commento:

Posta un commento