26/11/14

BAREND "THE BASS BEAR": INTERVIEW WITH BAREND COURBOIS / INTERVISTA A BAREND COURBOIS



Barend Courbois is an incredible bassist. He's able to play in so different contexts, always with a great personality, he's one of the tutelary deity in the rock and hard bass playing (and not just it), an artist who never stops getting out there.
I entered in contact with Barend's music by discovering, a lot of years ago, Vengeance, an excellent made in Holland classic hard rock group with whom Barend played the bass for many years.
Then I found him again with Ian Parry, with the great singer Gary Barden, as well as in the strong trio Whistler/Courbois/Whistler, and now I look forward to the new record coming out of both legendary Blind Guardian and of the trio with Timo Somers.
The Netherlands is certainly one of the most prolific country as regards bassists, and not by chance, among his main influences Barend mentions the mythical Herman Deinum, historic bassist of Cuby+Blizzards.
Surely, Barend Courbois doesn't belong only to a session men's cathegory, because playing with his own personal style belongs to him naturally: he's one of those artists who makes his mark in a spontaneous way.

LDP: Barend, first of all, thank you for this interview that I wanted to propose to you since a long time. In your biographical notes we read that you made your first concert when you were only eleven years old! How did you start to play and why did you choose electric bass?
B.C.: Thanks you're welcome and hi there Bass lovers..
     I come from a very musical and artistic family on both sides of my parents, so it was a natural thing for me to do something creative..as you maybe all know, my dear father is one of the best and last jazz drummers in the World, so I started to hit his drums when I was around 4 years, I also played the Indian Tabla (love Indian music, Paps brought those records back home from his big India tours) and the Scottish Back Pipe (in the earl '70s we used to go to our family in Scotland), around my 8 year from one minute to the other I wanned to play bass..now looking back I knew that I never be that good drummer as paps, but I still do quiet a bit of drum patterns and with my left and right hand on the bass.
Yep my first public appearances was at 11 years old, since than I never stopped doing concerts, and I'm over 4000 shows now.

LDP: Would you like to draw up a balance of your career? You have entered in contact with many cult musicians, including Jason Becker, Zakk Wylde, Vengeance, Ian Parry’s Consortium, now Blind Guardian… I suppose that you are very satisfied with your path. Why don't you tell us about it?
B.C.: Yep I'm a very lucky person...but I also got a very Spartan discipline to work f.cking hard...so if you got a reputation for doing a good bass job, good sound and equipment, knowing a couple of things about music, be a positive nice and intelligent human bieen, who also got a great sens of humor...artists, managers, producers, record company's will ask you back for more tours and of recordings...so that's how I build up my long carrier.

LDP: Despite playing all the styles, what do you like more? Fingerstyle or pick? You slap easily and with a great groove, do you like it? How's your relationship with fret less bass?
B.C.: I started out playing with a pick (was quite normal in the '70s), than my fingers, and when I saw Larry Graham for the first time I incorporated the “Thump style”....so I always practice everything I do with 3 different technics...plectrum, fingers and thumb...I try to play with every 3 as fast and accurate possible, without hardly hearing any differences....fretless is a thing that I never studied that hard on, but I can handle it very well in the studio...live is an other story haha.

LDP: The Netherlands is a country where music still seems to work, it is not dominated and overwhelmed by consumer strategies. Is it so?
B.C.: I don't know, but when I started as a kid, you could play 4 night a week, but those days are over...but music industry wise we are quite 'hip' with new things from the other side of the Atlantic...

LDP: You made a solo record, "Tunes for a friend" (by the way, I'm still trying hard to find it..), that I've got to listen to and that shows different influences; you usually feel comfortable with hard tracks as well as blues and fusion. This eclecticism of yours is considerable, how did you get there?
B.C.: I will send to you a copy...got like 100 left.
     Yea I like different musical styles (as long as it's raw and honest) so my own style got so much differed influences and elements, so I almost play the same shit in every style hahaha it fit's them all!!!!

LDP: Are you planning to work on any other projects with your name on it?
B.C: Between my first solo record and now, i never had the time to make a new one (always on the road), I have so many songs waiting to be recorded, my dear young friend (and the son of my best friend...the late Jan Somers) gonna produce the album

LDP: Let's talk about bass playing's influences. Previously you mentioned magic names like Jaco, Stanley Clarke, Geddy Lee, Marcus Miller, Larry Graham, the great Stu Hamm and Herman Deinum, the last of whom unfortunately is still little known here in Italy. Do you think that the emancipation of bass is still needed to develop? How do you look at the present scene? Do you prefer any bassists, in particular?
B.C.: My bass influences: Yea there are quet a lot...you forgot to name Doug Wimbish (a.o. Living Colour, Seal) who is one of my biggest influences ...groove wise, sound wise, his creative use of effects pedals and so much other things....what a hero !!!...yep of course Jaco...what can I say about him ?...yep, there's only one thing that's comes in my mind is the word GOD !!!...Stanley 'Stan the Man' love him !!!!...Larry Graham....haha what a hero...he still blows me away with his power, sound and his positive vibe, Geddy Lee...man 'o man what I was a Rush fan (and still are) back when I was a kid, I could join a Rush tribute band and do a concert on the same evening without a rehearsal, I do the 'Geddy' note for note...he's in my blood and bones !!!! Marcus Miller...holy shit..the best timing and sound in the world...loved him since the day he started playing with hero Miles Davis, and that's in 1980.
     Stuart Hamm...major influence in the late 80's and 90's...and now we're friends...we're gonna record a duo album soon!!!!
     Ok, Herman Deinum is the most funky player with a pick/plectrum there's ever been on this planet...I've been following this giant since '77 and when I was a kid I walked back home crying after a show in our hometown of Arnhem Netherlands.... He's my biggest pic playing influence....My first song on “Tunes for a Friend” is called “Deinum” with a heavy inspired old school Fender Precision sounding lick....he's a really good friend and he's so proud of me!!!!
   Present scene???? There are so much new bad-ass sounding bass players these days, I stopped checking them out..it's too much haha...the last two heroes are Victor Wooten and Robert Trujillo.

LDP: Major records companies seem to be more afraid of taking risks; what's your opinion about the "health" in the record industry's market? Do you believe that physical recorded music has to come to an end or what else?
B.C.: Yea they afraid of taking risk yea...no money anymore for promotion or tour support...lot of things changed.


LDP: Would you like to tell us about your gear?
B.C: Oooff I got lots of stuff for differt kind of styles, but since 20 years my Hartke cabinets are always joining me...love their sound so much!!!! And amp wise I use my old Trace Elliot pre and power amp (got them when I was 18 years old...and that's a long time ago...they still work !!!!), SWR MoAmp, Hartke 3500's.

LDP: I don't want to make you my usual question about “desert island records” but I prefer to ask to you something about what you like most and that gets you exited: would you like to suggest any artists?
B.C: One of the things I like most in life, is preparing a hi quality meal. cooking food is my big hobby !!! For suggesting artist: LISTEN TO THE FIRST 6 Van Halen ALBUMS, your life becomes a lot more fun !!!

FOR MORE INFO ABOUT BAREND "THE BEAR" COURBOIS, PLEASE CHECK OUT:


and become a member of 

www.facebook.com/barendcourbois


PARTIAL DISCOGRAPHY:

Barend Courbois – Tunes For A Friend
Bert Heerink – Pop In Je Moerstaal Live
Biss – Joker In The Deck
D.D.A. Agency Presents – The Barend Courbois Band
Fitzkin – No Gutz
Gary Barden – Rock’n’Roll My Soul
Gary Barden – The Agony&Xtasy
Ian Parry – Consortium Project I
Jason Becker – Not Dead Yet! Live
Kill City Rebel – Damaged But Alive
Maxima – Blue Sky Thunder
Perfect Strangers – Outside Lookin’ In
Peter Bloem – Tin Pan Alley
Pierre Courbois – De 20 Eeuw In 20 Ljedjes
Pierre Courbois Quintet – Big Party
Project Masquerade – Nothing But Everything Will Remain
Steve Fister – Deeper In The Blues, Dodgin Bullets, Live In Europe
Tamas Szekeres – Guitarmania, Guitartales, Downbelow Station, Dream Lake
The Jimi Hendrix Music Festival (w. Walter Trout, Michael Lee Firkins, Omar Dykes, Popa Chubby)
The Project – Burning Heart (for Jason Becker)
Vengeance – Back From Flight 19
Vengeance – Back In The Ring
Vengeance – Crazy Horses
Vengeance – Greenbellies Vol. 2
Vengeance – Pieces Of Cake
Vengeance – Planet Zilch
Vengeance – Rock’n’Roll Shower 1983-1988
Vengeance – Same/Same But Different
Vengeance - Soul Collector
Whistler/Courbois/Whistler – Privilege
Whistler/Courbois/Whistler – W/C/W 91
Whistler/Courbois/Whistler – W/C/W 92
Wolfpakk – Wolfpakk

Zakk Wylde – Live At Paradiso Amsterdam NL

BAREND "THE BASS BEAR": INTERVISTA A BAREND COURBOIS



Barend Courbois è un bassista incredibile. Capace di suonare in contesti diversissimi, sempre con personalità, uno dei numi tutelari del basso rock e hard (e non solo) che non smette mai di mettersi in gioco.
Ho “incontrato” la musica di Barend scoprendo, parecchio tempo fa, i Vengeance, un ottimo gruppo olandese di hard rock classico nel quale Barend ha suonato il basso per molti anni.
L’ ho ritrovato con Ian Parry, il grande cantante Gary Barden, nell’energico trio Whistler/Courbois/Whistler e adesso attendo con ansia l’uscita del nuovo disco dei leggendari Blind Guardian e del trio con Timo Somers.
L’Olanda è certamente uno dei paesi più prolifici in fatto di bassisti, e non a caso tra le sue influenze Barend cita il mitico Herman Deinum, storico bassista di Cuby+Blizzards.
Di certo, Barend Courbois non appartiene alla categoria di session men e basta, perché suonare con un suo stile personale gli appartiene naturalmente: è uno di quei bassisti che lascia l’impronta in modo spontaneo.

LDP: Barend, innanzitutto grazie per quest’intervista, che volevo farti da tempo. Nelle tue note biografiche si legge che il tuo primo concerto è stato ad undici anni appena! Come hai iniziato e perché il basso elettrico?
B.C.: Ti ringrazio, sei il benvenuto e un saluto agli amanti del Basso.
Io provengo da una famiglia con inclinazioni musicali ed artistiche da parte di entrambi i genitori, così è stato naturale per me optare per qualcosa di creativo... come forse tutti sanno, il mio caro padre è uno dei migliori ed ultimi batteristi jazz al mondo, così ho iniziato ad esercitarmi sulla sua batteria da quando avevo all'incirca quattro anni, suonavo la tabla indiana (amo la musica indiana, papà portò con sé diversi dischi quando era di ritorno dai suoi tour) e la cornamusa scozzese (agli inizi degli anni '70 eravamo soliti andare dai nostri parenti in Scozia), verso gli otto anni da un momento all'altro decisi di suonare il basso... ora guardandomi indietro so che non avrei mai potuto essere un bravo batterista come mio padre, ma faccio ancora un bel po' di basi di batteria sia con la sinistra che con la destra al basso.
Già, la mia prima esibizione è stata a undici anni, da allora in poi non ho mai smesso di fare concerti, e sono giunto a totalizzare più di 4000 show al momento.

LDP: Tracceresti per noi una summa della tua carriera? Hai toccato gruppi e musicisti di culto, inclusi Jason Becker, Zakk Wylde, Vengeance, Ian Parry’s Consortium, ora Blind Guardian… immagino tu sia molto soddisfatto del tuo percorso. Ce ne parli?
B.C.: Sì, sono molto fortunato... ma ho anche avuto una disciplina spartana applicata duramente...così se sei rinomato per fare un buon lavoro al basso, per avere un bel sound e una strumentazione adeguata, per intenderti di un po' di musica, se sei una persona gentile ed intelligente che possiede anche un grande senso dell'umorismo... artisti, manager, produttori, etichette discografiche ti chiederanno in cambio più tour e di incidere... dunque è così che ho costruito la mia carriera.

LDP: Pur suonando tutti gli stili, cosa ti piace di più? Fingerstyle o plettro? Slappi con faciltà e groove, ti piace slappare? Il tuo rapporto con il basso fretless com’è?
B.C.: Ho iniziato a suonare con il plettro (era abbastanza normale negli anni '70), più tardi con le dita, e quando vidi Larry Graham per la prima volta adottai lo slap... così eseguo tutto con tre tecniche differenti... plettro, dita e slap... cerco di suonare con tutti e tre quanto più veloce e nel modo più preciso possibili, senza quasi percepire alcun dislivello... con il fretless non mi sono mai esercitato duramente, ma sono in grado di gestirlo molto bene in studio.. dal vivo è un'altra storia haha.

LDP: L’Olanda è un paese dove la musica sembra funzionare ancora, non dominata e travolta da logiche di consumo. È così come credo?
B.C.: Non lo so, ma quando ho iniziato da ragazzo, potevi suonare quattro notti a settimana, ma quei giorni sono finiti...ma industria musicale a parte noi siamo abbastanza ricettivi verso le nuove cose che vengono dall'altra parte dell'Atlantico.
LDP: Hai inciso un disco solista, “Tunes for a friend” (che tra l’altro sto disperatamente cercando…) che ho avuto modo di ascoltare e mostra svariate influenze; sei a tuo agio tanto in tracce dure che più jazzate, blues o fusion. Questo tuo eclettismo è notevole, come ci sei arrivato?
B.C.: Te ne spedirò una copia... me ne sono rimasti una cosa come 100 pezzi. Sì, mi piacciono diversi stili musicali (basta che siano puri e sinceri), quindi il mio stile personale accoglie così differenti influenze ed elementi, che suono quasi sempre la stessa merda in tutti gli stili hahaha, calza a pennello con tutto!!!

LDP: Hai in programma altri lavori a tuo nome?
B.C.: Tra il mio primo album solista ed ora non ho mai avuto tempo di lavorare a qualcosa di nuovo (sono sempre in giro), ho così tante canzoni che aspettano di essere incise, il mio caro e giovane amico (nonché figlio del mio migliore amico... il defunto Jan Somers) produrrà l'album.

LDP: Parliamo di influenze bassistiche. Hai citato in passato nomi magici come Jaco, Stanley Clarke, Geddy Lee, Marcus Miller, Larry Graham, il fantastico Stu Hamm e Herman Deinum, che qui in Italia è purtroppo poco conosciuto. Credi che il percorso di emancipazione del basso sia ancora in corso? Come vedi la scena oggi? Ti piace qualche bassista in particolare?
B.C.: Le mie influenze bassistiche: sì, ce ne sono parecchie... hai dimenticato di nominare Doug Wimbish (ad esempio Living Colour, Seal) che è una delle mie più grandi influenze... ritmo e suono maturi, il suo uso creativo dei pedali e molte altre cose... che eroe!!!... già certamente Jaco... che cosa posso dire su di lui?... sì, l'unica cosa che mi viene in mente è la parola DIO!!!.... Stanley “Stan the Man”, lo adoro!!!!... Larry Graham ….haha che eroe... ancora mi tramortisce con la sua potenza, il suo sound e le sue vibrazioni positive, Geddy Lee... Io sì che ero un fan dei Rush (ancora lo sono) da quando ero ragazzo, potrei partecipare ad una tribute band dei Rush e tenere un concerto la sera stessa senza prove, suono Geddy nota per nota... lui è il mio sangue e le mie ossa!!! Marcus Miller... porca merda... il miglior timing e sound al mondo... l'ho amato sin dal giorno in cui ha iniziato a suonare con l'eroe Miles Davis, ed era nel 1980. Stuart Hamm... la maggiore influenza degli ultimi anni '80 e '90.. ed ora siamo amici.. incideremo un duo album presto!!!
Ok, Herman Deinum è il musicista più funky con un plettro che non ce ne è mai stati su questo pianeta... Seguo questo gigante dal '77 e quando ero ragazzo ritornai a casa gridando dopo uno show nella nostra città di Arnhem ... Lui è la mia più grande influenza musicale... La mia prima canzone dell'album “Tunes for a Friend” si intitola Deinum con il passaggio di un Fender Precision vecchia scuola, duro e ispirato... E' davvero un buon amico ed è così orgoglioso di me!!!
Come è la scena attuale??? Ci sono così tanti bassisti tosti attualmente, ho smesso di prendere contatti con loro... è troppo haha.. gli ultimi due eroi sono Victor Wooten e Robert Trujillo.

LDP: Le major discografiche sembrano avere sempre più paura di rischiare; come consideri la “salute” del mercato discografico oggi? Credi che il supporto disco sia destinato a finire o…?
B.C.: Sì, hanno paura .. non ci sono più soldi per la promozione o il finanziamento dei tour.. un mucchio di cose sono cambiate.

LDP: Ci puoi parlare della tua strumentazione?
B.C.: Oooff posseggo un sacco di strumenti adatti a differenti tipi di stili, ma da venti anni i miei Hartke Cabinets sono sempre con me.. amo così tanto il loro sound!!! e uso il mio vecchio Trace Elliot pre ed amplificatori potenti (li ho da quando avevo diciotto anni.. è tanto tempo fa... ancora funzionano!!!) come SWR MoAmp, Hartke 3500's.

LDP: Non ti faccio la domanda sui “desert island records” ma su quello che oggi ti piace e ti emoziona: puoi suggerirci qualche nome?
B.C.: Una delle cose che mi piace fare di più nella vita è preparare pasti di alto livello. Cucinare è il mio grande hobby!!! Artisti da consigliare: ASCOLTATE I PRIMI 6 ALBUM di Van Halen, la vostra vita sarà di gran lunga più entusiasmante.

©Luca De Pasquale 2014
Traduzione a cura di Manuela Avino


PARTIAL DISCOGRAPHY:

Barend Courbois – Tunes For A Friend
Bert Heerink – Pop In Je Moerstaal Live
Biss – Joker In The Deck
D.D.A. Agency Presents – The Barend Courbois Band
Fitzkin – No Gutz
Gary Barden – Rock’n’Roll My Soul
Gary Barden – The Agony&Xtasy
Ian Parry – Consortium Project I
Jason Becker – Not Dead Yet! Live
Kill City Rebel – Damaged But Alive
Maxima – Blue Sky Thunder
Perfect Strangers – Outside Lookin’ In
Peter Bloem – Tin Pan Alley
Pierre Courbois – De 20 Eeuw In 20 Ljedjes
Pierre Courbois Quintet – Big Party
Project Masquerade – Nothing But Everything Will Remain
Steve Fister – Deeper In The Blues, Dodgin Bullets, Live In Europe
Tamas Szekeres – Guitarmania, Guitartales, Downbelow Station, Dream Lake
The Jimi Hendrix Music Festival (w. Walter Trout, Michael Lee Firkins, Omar Dykes, Popa Chubby)
The Project – Burning Heart (for Jason Becker)
Vengeance – Back From Flight 19
Vengeance – Back In The Ring
Vengeance – Crazy Horses
Vengeance – Greenbellies Vol. 2
Vengeance – Pieces Of Cake
Vengeance – Planet Zilch
Vengeance – Rock’n’Roll Shower 1983-1988
Vengeance – Same/Same But Different
Vengeance - Soul Collector
Whistler/Courbois/Whistler – Privilege
Whistler/Courbois/Whistler – W/C/W 91
Whistler/Courbois/Whistler – W/C/W 92
Wolfpakk – Wolfpakk

Zakk Wylde – Live At Paradiso Amsterdam NL






















Nessun commento:

Posta un commento