25/10/14

Interview with Colin Hodgkinson / Intervista a Colin Hodgkinson



Since I was a boy I dreamt to interview, maybe one day, someone of my bassists heroes. I was used to figure myself as the editor of a rock-blues magazine but that dream seemed to be so far.  Thus I asked to me if a job as “bassologist” ever existed. I believed that it didn't....One of those bassists that I dreamt to meet and interview was Colin Hodgkinson, an extraordinary musician, a fine performer of blues and rock bass, most of all a lefty, at that. And so it is with great honour that I present this interview that Colin granted to me, which proves one more time his kindness and willingness.
Good reading.

LDP: Dear Colin, it's fair to say that you went through the world of blues, rock and hard rock in its entirely. You are an applauded master of your instrument, which you were able to reinvent not only in the narrower sense of its accompanying function. Are you satisfied with the path you've been on? What are in your opinion the main moments of your bright career?

CH: Main moments were joining Alexis Korner in 1969, he taught me a lot about life and was a dear friend, it was thanks to him and Chris Barber that the whole British blues scene got started.
Another highlight was of course forming Backdoor with Ron Aspery and Tony Hicks. The record companies were not interested in us so we recorded our own LP and the press loved it, we got great critics and then all the majors wanted to sign us. This was the time when I really defined my style, exciting times! The time I spent with Jan Hammer was also great, we made some fine music and had a lot of fun together he is a fantastic musician.
Finally, meeting Frank Diez on a session and persuading him to form a duo with me, he’s a beautiful blues player and we’ve now had the Duo for 28 years.

LDP: One imperative question, which were your main influences on electric bass playing? How did you achieve such a recognizable style?

CH: My influences were really double bassists especially Red Mitchell, Charlie Mingus, Ray Brown and Scott Le Faro. I heard my first bass guitarist live in 1958 and he played Duane Eddy’s “ Rebel Rouser” I was hooked after that. I liked a lot of the rock music at that time, people like Chuck Berry, so I started to play chords and solos, that was the foundation of my style. One tune that had a big influence on a lot of bass players was “ My Generation” by the Who, where John Entwistle plays that 8 bar solo, such a great sound, too.

LDP: Certainly you're a tutelary deity of the bass, highly appreciated by the most intelligent and musically cultured generations; among your contemporary bassists who are those ones that you prefer?

CH: I prefer 4 Bass players for different reasons; Duck Dunn and Willie Weekes for grooves, Ken Gradney from Little Feat, a total original the way he plays also Victor Wooten who has his own thing, plays chords too.

LDP: Personally I've sold cds for twenty years, and than I was swallowed up in the maelstrom of the literally "solid" music crisis. How do you look at the present situation?
CH: I’d hate to see CD’s disappear, I don’t use the computer for music, I was sad to see vinyl go although a lot of young guys are buying it now. Some of my album covers are works of art!

LDP: I find that your albums under the moniker of Electric Blues Duo with Frank Diez, are valuable works and your soloist record "The Bottom Line" is a beautiful, sencere and involving achievement. Do you got in mind any other project in the short term?

CH: I don’t have a solo project in mind right now but I’m always writing stuff so maybe in the future.

LDP: What kind of gear do you usually employ?

CH: I love tube amps, I use an Ampeg SVT2 with an Eden 4x10 XLT, on smaller gigs I use a Mark combo, a great Italian invention!

LDP: How is your relationship with fretless bass?

CH: I love playing fretless, at the time of “ The bottom line” I was playing it a lot but I haven’t used it “ live” for a couple of years. I have a Warwick 5 string Thumb bass and it has a great sound.

LDP: Most of the people tend to take on the role of music critics, even though they didn't study periods, performers, without really going further in that. Don't you find it is a too dispersive approach? Do you think that, today, musical journalism still makes sense?

CH: Everyone has their opinions and tastes, I just think that if you’re going to write about it, you should have an open mind and some knowledge of the subject.

LDP: Who are those contemporary bassists that mostly impressed you? Is there anyone that you could estimate as your potential heir?

CH: I like Tony Levin, Victor Wooten, Jaco was great, and a lot of guys have something interesting to say.

LDP: Let’s do our easy but funny "top ten" game: do you want to tell us your those essential ten records, the famous “desert island records”...?

CH: OK This is hard but I’ve listed 10 albums that have influenced me over the years....

1 and 2) Robert Johnson “ King of the delta blues singers” volumes 1 and 2
3) Gerry Mulligan quartet “ Live at Salle Pleyel, Paris 1954
4) Charlie Mingus “Blues and roots
5) Oscar Peterson trio “ Night Train”
6) James Brown “ Live at the Apollo”
7) Little Feat “ Feats don’t fail me now”
8)Wes Montgomery “ The incredible jazz guitar
9) JJ Cale “Okie”
10) Miles Davis “ Miles Smiles”


Da ragazzo sognavo di poter intervistare, un giorno, i miei eroi bassisti. Mi immaginavo redattore di una rivista specializzata rock blues, ma vedevo la cosa lontana. Mi chiedevo, anche, se esistesse il
mestiere di “bassologo”. Mi sembrava di no…
Uno dei bassisti che sognavo di incontrare e intervistare era Colin Hodgkinson, musicista straordinario, magnifico interprete del basso blues e rock, e per giunta mancino.
Con molto orgoglio vi presento l’intervista che Colin mi ha concesso, confermando ancora una volta la sua gentilezza e disponibilità.
Buona lettura.

LDP:  Caro Colin, si può ben dire che hai attraversato nella sua interezza il mondo del blues, del rock, dell’hard rock. Sei un maestro riconosciuto del tuo strumento, che hai saputo reinventare in chiave non solo meramente d’accompagnamento. Sei soddisfatto del tuo percorso?
Quali consideri i momenti salienti della tua scintillante carriera?

CH: I momenti più importanti sono venuti dall'unione artistica con Alex Korner nel 1969, mi ha insegnato molto sulla vita ed è stato un grande amico, è grazie a lui e a Chris Barber che il corso del blues inglese nel suo complesso ha avuto inizio. Un altro momento saliente è coinciso con la formazione dei Backdoor con Tony Aspery e Tony Hicks. Le compagnie discografiche non erano
interessate a noi, così abbiamo registrato il nostro LP e la stampa lo ha amato, abbiamo ricevuto critiche entusiastiche e solo in seguito tutte le majors vollero scritturarci. Quella è stata la volta in cui io ho davvero definito il mio stile, momenti emozionanti!
Il periodo trascorso con Jan Hammer è stato altrettato grandioso, abbiamo realizzato della buona musica e ci siamo divertiti un sacco insieme, è un musicista fantastico.
Infine, altro momento cruciale è stato incontrare Frank Diez in una sessione di registrazione e averlo persuaso a formare un duo con me, lui è uno straordinario musicista blues e abbiamo mantenuto il Duo per 28 anni.

LDP:    Domanda inevitabile, quali sono state le tue influenze al basso elettrico? Come sei arrivato al tuo stile inconfondibile?

CH: Le mie influenze sono venute soprattutto da contrabbassisti, specialmente Red Mitchell, Charlie Mingus, Ray Brown e Scott Le Faro. Ho ascoltato il mio prima bassista dal vivo nel 1958; suonò “Rebel Rouser” di Duane Eddy, da quel momento mi ha preso completamente. Mi piaceva molto la musica rock di quel periodo, artisti come Chuck Berry, così iniziai a suonare gli accordi e gli assolo, che è stato alla base del mio stile. Un pezzo che ha esercitato una considerevole influenza su una molteplicità di bassisti è stata "My Generation" degli Who, in cui John Entwistle suona quell'assolo in progressione otto bar.

LDP: Sei un nume tutelare del basso, riconosciuto dalle nuove generazioni più intelligenti e preparate musicalmente; quali altri bassisti tuoi contemporanei ti sono piaciuti di più?

CH: Trovo un suono favoloso in quattro altri bassisti per diversi ordini di motivi; Duck Dunn e Willie Weeks per il ritmo, Ken Gradney nei Little Feat, per un modo di suonare assolutamente originale e ancora Victor Wooten che ci mette del suo in tutto quello che suona…

LDP:  Io ho venduto dischi per venti anni, e poi come tutti gli addetti ai lavori, i veri specializzati per intenderci, sono stato risucchiato nel vortice della crisi della musica “solida”. Che rapporto hai con la musica “liquida”?

CH: Non vorrei vedere i cd scomparire, non uso il computer per ascoltare la musica, mi sono rattristato per la scomparsa del vinile anche se molti giovani lo stanno comprando adesso. Alcune cover dei miei album sono delle opere d'arte!

LDP: Trovo che i tuoi dischi con Frank Diez sotto il moniker di Electric Blues Duo siano pregevoli, e il tuo disco solista “The Bottom Line” è un lavoro splendido, sincero e coinvolgente. Hai in mente altri progetti a breve?
CH: Non ho in mente un progetto solista al momento ma butto giù di continuo del materiale perciò magari in futuro..

LDP:  Che strumentazione usi?

CH: Amo gli amplificatori valvolari, io uso l’Ampeg SVT2 con un Eden 4x10 XLT, nei concerti più piccoli un Mark Combo, una grande invenzione italiana!

LDP: Com’è il tuo rapporto con il basso fretless?

CH: Mi piace suonare il fretless, nel periodo di "Bottom line" lo suonavo un sacco ma non l'ho impiegato dal vivo per un paio di anni. Ho un basso Warwick Thumb a cinque corde, ed ha un suono favoloso.

LDP: Tutti si improvvisano critici musicali, anche senza aver studiato periodi, interpreti, senza aver approfondito davvero. Non trovi che sia dispersivo? Pensi che ai tempi di oggi abbia ancora senso il giornalismo musicale?

CH: Tutti hanno le loro opinioni ed il loro gusto, penso solo che se ognuno ha intenzione di scrivere di musica debba avere una mente aperta ed una certa conoscenza del soggetto.

LDP: Quali sono i bassisti di oggi che ti hanno maggiormente impressionato? C’è qualcuno che, sulla lunga distanza, puoi considerare un tuo erede?

CH: Mi piacciono Tony Levin, Victor Wooten, Jaco è stato grande, e molti ragazzi hanno qualcosa di interessante da esprimere.

LDP:  Facciamo il banale ma divertente gioco dei dieci dischi da isola deserta. Ci dici i tuoi?

CH: Ok è stato difficile ma ho stilato la lista dei 10 album che mi hanno ispirato nel corso degli anni:

1-2) Robert Johnson “ King of the delta blues singers” volumi 1 e 2
3) Gerry Mulligan quartet “ Live at Salle Pleyel", Paris 1954
4) Charlie Mingus “Blues and roots"
5) Oscar Peterson trio “ Night Train”
6) James Brown “ Live at the Apollo”
7) Little Feat “ Feats don’t fail me now”
8) Wes Montgomery “ The incredible jazz guitar"
9) JJ Cale “Okie”
10) Miles Davis “ Miles Smiles”

Luca De Pasquale 2014

traduzione dall'inglese di Manuela Avino

Nessun commento:

Posta un commento